UFFICIO DELLA PASSIONE DEL SIGNORE
 
 
 
UFFICIO DELLA PASSIONE DEL SIGNORE

279 Incominciano i salmi, che il beatissimo padre nostro Francesco compose a onore e a memoria e a lode della passione del Signore. E incominciano dalla compieta del Giovedì santo, cioè da quella triste notte in cui il Signor nostro Gesù Cristo fu tradito e catturato. E nota, che il beato Francesco recitava questo ufficio in questo modo: prima diceva l'orazione, che ci ha insegnato il Signore e Maestro. Santissimo Padre nostro, ecc. insieme alle lodi Santo, santo, santo. Terminate le lodi e l'orazione, incominciava questa antifona: Santa Maria. Prima diceva i salmi dell'ufficio della Madonna, poi diceva gli altri salmi da lui scelti, e, alla fine di tutti i salmi, recitava i salmi della passione. Terminato il salmo diceva questa antifona: Santa Maria Vergine.

Terminata l'antifona era finito l'ufficio.

I. COMPlETA

Antifona: Santa Maria Vergine.

Salmo

280 Signore, ti ho raccontato la mia vita: e tu hai preso le mie lacrime e le hai poste davanti a te (Sal 55,9).

I miei nemici si sono uniti per perdermi (Sal 70, 10): hanno risposto col male al bene, con l'odio all'amore (Sal 108, 5).

Invece di amarmi, dicevano ogni male di me: ma io pregavo ( Sal 108, 1 ).

Mio Padre santo, che sei Re del cielo e della terra, non allontanarti da me: il tempo della tribolazione è prossimo, e non c'è chi mi aiuti (Gv. 17, 11; Mt. 11, 25; S 21, 12).

Ma se io ti avrò invocato fuggiranno i miei nemici: ecco, io so bene che tu sei il mio Dio (Sal 55, l0).

Si sono fermati lontano da me anche i miei amici e i miei intimi (Sal 37, 12): tu hai permesso che rimanessero lontani, ed essi si vergognarono di rne. Fui consegnato ai miei nemici, né da essi mi liberai (Sal 87, 9).

Padre santo, non allontanare da me il tuo aiuto: Dio mio, guarda e vieni in mio soccorso (Sal 21, 20).

Vieni in mio soccorso, Dio della mia salvezza (Sal 37, 23).
Il Gloria.

281 Antifona: Santa Maria Vergine, non vi è alcuna simile a te, nata nel mondo, fra le donne, figlia e

ancella dell'altissimo Re, il Padre celeste, madre del santissimo Signore nostro Gesù Cristo, sposa dello Spirito

Santo; prega per noi con san Michele arcangelo e con tutte le virtù dei cieli, e con tutti i santi, presso il tuo

santissimo Figlio diletto, nostro Signore e Maestro.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo, come in principio e ora e sempre e nei secoli dei

secoli. Amen.

282 Nota che questa antifona si recita ad ogni ora; e si recita come antifona, capitolo, versetto e

orazione, anche a mattutino e a ciascun'ora. Nient'altro egli diceva se non questa antifona con i suoi salmi. E

alla fine dell'ufficio il beato Francesco sempre recitava questa benedizione: Benediciamo il Signore Iddio

vivo e vero, e rendiamo a Lu la lode, la gloria, l'onore e ogni bene per sempre. Amen. Amen. Fiat. Fiat.

MATTUTINO

Antifona Santa Maria Vergine.

Salmo

283 Signore, Dio della mia salvezza, giorno e notte sale a te il mio grido ( Sal 87, 1 ).

Possa la mia preghiera entrare al tuo cospetto: porgi ad essa l'orecchio, Signore (Sal 87,2-3).

Guarda all'anima mia e liberala: strappami dalle mani dei miei nemici (Sal 68, 19).

A te io devo la mia vita, tu sei la mia speranza fino dalla mia nascita, e sei il mio Dio; non allontanarti da me
(Sal 21, 10-12).

Tu vedi ora la mia confusione e la furia spietata di chi mi oltraggia (Sal 68, 20).

Ho cercato chi mi fosse accanto in quest'ora di tribolazione: nessuno ci fu; ho cercato chi mi confortasse: non ho trovato alcuno (Sal 68, 21).

Gli iniqui, o Signore, sono insorti contro di me; i potenti vogliono la mia vita: senza alcun riguardo per te (Sal 85, 14).

Ormai sono computato tra i morti, un uomo che nessuno aiuta, libero tra i morti (Sal 87, 5).

Ma tu, Padre santo, sei il mio Re e il mio Dio (Sal 5, 3): vieni in mio soccorso, Signore, Dio della mia salvezza
(Sal 37, 23).

Prima

Antifona. Santa Maria Vergine.

284 Abbi pietà di me, Signore, abbi pietà di me, perché la mia anima confida in te (Sal 56, 2).

Mi porrò pieno di speranza all'ornbra delle tue ali, fino a quando sia passato il turbine dell'iniquità (Sal 56, 2).

Salirà il mio grido al Padre mio altissimo, al Dio che mi ama (Sal 56, 3).

Dal cielo egli opera la mia salvezza: e getta la confusione tra i miei nemici (Sal 56, 4).

Ha disteso la sua mano e la sua verità; ha strappato la mia vita alla potenza dei miei nemici e di quanti mi odiano:

di quanti mi avevano teso lacci e avevano umiliato la mia anima (Sal 56, 4; 17, 18; 56, 7). 7

Caddero, così, nella fossa che avevano scavato per me ( Sal 56, 7) .

Il mio cuore è pronto, Signore, il mio cuore è pronto: un inno io ti canterò (Sal 56, 8).

A me l'arpa, a me la cetra! Risorgi o mia gloria; io mi desterò all'alba (Sal 56, 9).

Ti loderò in mezzo a tutte le genti, Signore: perché la tua misericordia è grande come il cielo e la tua fedeltà tocca le nubi altissime (Sal 56, 10-11).

Sii esaltato, Signore, sopra i cieli; e si stenda la tua gloria su tutta la terra (Sal 56, 12).

TERZA

Antifona. Santa Maria Vergine.

Salmo

285 Abbi pietà di me, Signore, perché i miei nemici mi calpestano e non mi dànno tregua in alcun'ora del giorno:

e sono tanti coloro che mi fanno guerra! (Sal 55, 2-3).

Ogni loro pensiero è rivolto al mio male: fanno uso di ogni menzogna (Sal 40, 8-9).

Quelli che difendevano la mia anima, hanno fatto consiglio fra loro (Sal 70, 10):

uscivano fuori e parlavano fra di loro (Sal 40, 7).

Chi mi vede, mi deride: muove le labbra e scuote la testa (Sal 21, 8):

perché io sono verme, non uomo, un abietto, rifiuto per il popolo (Sal 21, 7).

I miei vicini disprezzano me, non i miei nemici; i miei familiari hanno paura (Sal 30, 12).

Padre santo, non togliermi il tuo aiuto: veglia tu a mia difesa (Sal 21, 20).

Affrettati in mio aiuto, Signore Dio della mia salvezza (Sal 37, 23).

SESTA

Antifona: Santa Maria Vergine.

Salmo

286 Il mio grido sale al Signore:

a Lui salgono la mia preghiera e la mia miseria (Sal 141, 2-3).

Quando viene meno in me il mio spirito, tu conosci la mia strada.

Camminavo e mi tesero lacci; mi guardavo attorno e nessuno mi conosceva.

Non c'era più scampo per me;

e nessuno si prendeva cura della mia anima (Sal 141, 4-5).

Per tuo amore ho sopportato l'oltraggio e !a vergogna ha ricoperto il mio volto (Sal 68,8-10).

Sono divenuto estraneo per i miei fratelli, sconosciuto ai figli di mia madre (Sal 68, 9).

Padre santo, per lo zelo della tua casa sono caduti su di me gli oltraggi dei tuoi nemici (Sal 68, 10).

Contro di me si sono rallegrati e riuniti: su di me sono caduti i flagelli, senza saperne la ragione (Sal 34, 15).

Più numerosi dei capelli del mio capo si sono fatti coloro che mi odiano senza motivo (Sal 68 5)

Sono potenti i nemici che mi calunniano: quanto non ho rubato, lo dovrei restituire? (Sal 68, 5).

Falsi testimoni mi hanno accusato di cose che ignoro:

mi hanno reso male per bene, mi hanno calunniato; perché ho seguito l'onestà (Sal 37, 21).

Tu sei il santissimo Padre mio, il mio Re, il mio Dio! (Sal 43, 5).

Vieni in mio soccorso, o Dio della mia salvezza (Sal 37, 23).

Nona

Antifona: Santa Maria Vergine.

Salmo

287 Voi tutti che passate per la via, vedete se c'è un dolore simile al mio dolore! (Lam. 1, 12).

Ringhiosi come cani mi assediarono i miei nemici; mi hanno guardato e pesato:

si sono divisi i miei abiti, hanno tirato a sorte la mia veste (Sal 21, 17-19).

Hanno trapassato le mie mani e i miei piedi: hanno contato tutte le mie ossa (Sal 21, 14-16).

Gridavano contro di me come leoni ruggenti e affamati (Sal 21, 14).

Mi sono dissolto come acqua: le mie ossa sono state disgregate.

Il cuore si è liquefatto a guisa di cera nel mio petto;

la mia forza si è disseccata a guisa di otre vuoto: la mia lingua si è attaccata al palato (Sal 21,15-16).

Mi hanno nutrito con fiele, dissetato con aceto ( Sal 68, 22).

Mi hanno condotto alla polvere della morte aumentando il dolore delle mie ferite (Sal 21, 16; 68,27).

Mi addormentai e risorsi. Il Padre mio santissimo mi ha accolto nella sua gloria (Sal 3, 6).

0 Padre santo, tu mi hai tenuto per mano, mi hai accompagnato nel fare la tua volontà, mi hai

assunto nella gloria (Sal 72, 24-25).

Infatti che cosa possiedo in cielo? E da te che cosa ho voluto sulla terra? (Sal 72 25).

Uomini, guardate! -- dice il Signore-- sono io il vostro Dio: sarò esaltato fra le genti e su tutta la terra (Sal 45, 11).

Benedetto sia il Signore, Dio d'Israele, che ha redento le anime dei suoi servi con il suo

preziosissimo sangue: non verranno mai meno coloro che in Lui sperano (Sal 33, 23).

E lo sappiamo che viene: viene a giudicare la giustizia ( Sal 95, 1 3 ) .

Vespro

Antifona. Santa Maria Vergine.

Salmo

288 Genti tutte, applaudite: gridate a Dio la vostra esultanza,

perché il Signore è grande e terribile, Re eccelso su tutta la terra (Sal 46, 2-3).

Egli, nostro Padre e nostro Re da tutta l'eternità, ha mandato dall'alto il Figlio suo diletto: a

portare la salvezza nel mondo (Sal 73, 12).

Si allietino i cieli, esulti la terra, si gonfino di gioia i mari, di letizia ogni contrada del mondo (Sal 95, 11-12).

Cantate a Lui un canto nuovo: date a Dio tutta la gloria e tutto l'onore;

perché grande è il Signore e molto degno di lode; più terribile di tutti gli dei (Sal 95, 1-4).

Offrite al Signore, popoli delle genti, offrite al Signore la gloria e l'onore; offrite al Signore la

gloria del suo nome (Sal 95, 7-8).

Offritegli i vostri corpi, e portate la sua santa croce: seguite fino in fondo i suoi comandamenti (cfr. Lc. 14, 27).

Tutta la terra si scuota davanti a Lui: gridate a tutti i popoli che il Signore regna.

289 Fino a qui si dice dal Venerdì santo alla festa della Ascensione ogni giorno. Nella festa dell'Ascensione

si aggiungano questi versetti

E salì al cielo: e siede alla destra di Dio, Padre santissimo ( Ef. 4, 10; Credo) .

Sali più in alto dei cieli, o Dio; e la tua gloria si diffonda per tutta la terra (Sal 56, 12).

E sappiamo che egli viene: verrà a giudicare la giustizia ( Sal 95. 13) .

290 Dall'Ascensione all'Avvento si dice nello stesso modo, ogni giorno, questo salmo, cioè. Genti tutte,

con i sopraddetti versetti dicendo il Gloria dove finisce il salmo.

Questi salmi si recitano dal Venerdì santo alla domenica di Resurrezione. Ugualmente si recitano dall'ottava

della Pentecoste fino all'Avvento del Signore e dall'ottava dell'Epifania fino al Giovedì santo, eccetto le

domeniche e le feste principali, nelle quali non si dicono; negli altri giorni invece sempre si dicono.

II. COMPIETA DEL SABATO SANTO

Antifona: Santa Maria Vergine.

Salmo (69)

291 Degnati, o Dio, di liberarmi; Signore, affrettati a soccorrermi!

Siano confusi ed arrossiscano quelli che cercano l'anima mia.

Siano volti in fuga e svergognati coloro che godono della mia sventura.

Siano storditi per loro vergogna coloro che mi dicono: Ah! ah!

Esultino e si rallegrino in te tutti quelli che ti cercano.

Ripetano sempre: «Sia magnificato Iddio » coloro che amano la tua salvezza.

Io però sono misero e indigente; o Dio, abbi cura di me.

Mio aiuto e mia salvezza sei tu; Signore, non tardare!

Questo salmo si recita ogni giorno a Compieta fino all'ottava di Pentecoste.

AL MATTUTINO

DELLA DOMENICA Dl RESURREZIONE

Antifona. Santa Maria Vergine.

292 
Cantate al Signore un cantico non prima udito, perché ha fatto cose meravigliose ( Sal 97, 1 ).

Ha santificato il figlio suo la sua mano, lo ha santificato il suo santo braccio (cfr. Gv. 10, 36; Sal 97, 1).

Il Signore ha fatto conoscere la salvezza che viene da Lui: ha rivelato la sua giustizia al cospetto di

tutte le genti (Sal 97, 2) .

In quel giorno ha fatto scendere la sua misericordia: durante la notte si è udito il suo cantico (Sal 41,9).

Questo è un giorno che ha fatto il Signore: esultiamo e rallegriamoci in esso (Sal 117, 24).

Benedetto colui che viene nel nome del Signore: Signore Iddio, nostra luce (Sal 117, 26-27).

Si allietino i cieli, esulti la terra, si commuovano le distese dei mari: godano i campi e quanto in essi

vive (Sal 95, 11-12).

Date gloria al nome del Signore, o patrie di tutte le genti: date gloria al nome del Signore (Sal 95,7-8).

293 Fino a qui si dice dalla domenica di Resurrezione alla festa dell'Ascensione, ogni giorno, a ciascuna

ora, eccetto il vespro e compieta e prima. Nella notte dell'Ascensione si aggiungano questi versetti:

0 regni della terra, cantate a Dio, cantate al Signore che ascende sopra il cielo dei cieli, a oriente.

Ecco, egli farà udire la forza della sua voce: date gloria a Dio per Israele: la sua potenza e la sua forza sono

tra le nubi.

Meraviglioso è il Signore nei suoi santi; il Dio di Israele, egli stesso darà potenza e forza al suo popolo, il

Signore benedetto (Sal 67, 33-36).

294 Questo salmo dall'Ascensione del Signore fino all'ottava di Pentecoste si dice ogni giorno con i

sopraddetti versetti a mattutino e terza e sesta e nona, dicendo il Gloria dove si dice il Benedictus Deus, e non

altrove. Ugualmente si recita soltanto a mattutino nelle domeniche e nelle feste principali dall'ottava di

Pentecoste fino al Giovedì santo, poiché in questo giorno il Signore mangiò la pasqua con i suoi discepoli. Si

può dire un altro salmo a mattutino o a vespro, quando si vuole, e cioè Exaltabo te, Domine, come si ha nel

salterio.

E questo dalla domenica di Resurrezione fino alla festa dell'Ascensione, e non oltre.

PRIMA

Antifona: Santa Maria Vergine .

Salmo. Abbi pietà di me, Signore, abbi pietà (v. p. 187).

TERZA, SESTA, NONA

Salmo: Cantate (v. p. 192).

Salmo: Genti tutte (v. p. 190).

III.

295 Iniziano altri salmi, composti ugualmente dal beatissimo Padre nostro Francesco, da dirsi in luogo

dei sopraddetti salmi della passione del Signore, nelle domeniche e nelle principali feste dall'ottava di

Pentecoste fino all'Avvento e dall'ottava dell'Epifania fino al Giovedì Santo.

COMPIETA

Antifona: Santa Maria Vergine.

Salmo: Degnati, o Dio, di liberarmi (Sal 69); (v. p. 191 ) .

Antifona: Santa Maria Vergine.

Salmo: Cantate (v. p. 192).

PRIMA

Antifona: Santa Maria Vergine.

Salmo: Abbi pietà di me, Signore, abbi pietà (v. p. 187).

TERZA

Antifona: Santa Maria Vergine.

Salmo

296 Innalza i tuoi canti a Dio, o terra, e glorificalo.

Digli quanto terribili sono le opere del Signore, a confusione dei suoi nemici.

Ogni terra ti adori e ti innalzi i suoi canti ( Sal 65, 1-4) .

Venite, ascoltate, voi tutti che temete Iddio: vi narrerò quanto ha fatto per l'anima mia (Sal 65, 16).

Ho gridato a Lui la mia pena:

egli ha ascoltato la mia voce, salita fino al suo cospetto (Sal 17, 7).

Benedite il Signore nostro, popoli della terra; diffondete per ogni dove le sue lodi (Sal 65, 8):

e saranno benedette in Lui tutte le tribù della terra; tutte le genti lo esalteranno (Sal 71, 17).

Benedetto sia il Signore Dio d'Israele: egli solo sa fare cose mirabili.

 Benedetta sia la maestà del suo nome, che riempirà il mondo. Fiat. Fiat (Sal 71, 18-19).

SESTA

Antifona: Santa Maria Vergine.

Salmo

297  Ti ascolti il Signore nel giorno della tribolazione: ti protegga il nome del Dio di Giacobbe.

Ti aiuti dal suo santuario, ti protegga da Sion;

si ricordi del tuo sacrificio;

ti accordi ciò che il tuo cuore desidera; conduca a compimento i tuoi propositi (Sal 19, 2-5).

Noi esulteremo nella salvezza che viene da te, il nome del Signore Dio nostro sarà la nostra gloria

(Sal 19, 6).

Il Signore accolga i tuoi desideri: ora so che il Signore ci ha mandato il Figlio suo Gesù Cristo, e che

giudicherà il mondo secondo giustizia (Sal 19, 7; 9, 9; cfr. Gv. 4, 9).

Il Signore è divenuto rifugio al povero, lo soccorre nelle necessità e nelle tribolazioni; sperino in te

quanti conoscono il tuo nome ( Sal 9, 10-11 ).

Benedetto il Signore Dio mio: egli è divenuto mio soccorritore e mio rifugio nel giorno della pena

(Sal 58, 17-18) .

0 mio aiuto, a te io canterò: Dio è il mio aiuto, il mio Dio, la mia misericordia (Sal 58, 18).

NONA

Antifona: Santa Maria Vergine.

Salmo

298 In te ho sperato, Signore: che io non sia mai confuso. Nella tua giustizia liberami dal male.

Porgi l'orecchio alla mia preghiera e salvami ( Sal 70, 1-2) .

Sii il Dio che mi protegge, che mi difende, che mi salva.

Perché tu sei, Dio, la mia pazienza: la mia speranza fino dai tempi della mia giovinezza (Sal 70, 3-5).

Dalla mia nascita tu sei la mia forza, la mia protezione: a te salirà sempre il mio canto (Sal 70, 6).

La mia bocca sia piena della tua lode: che io canti ogni giorno la tua gloria e la tua grandezza (Sal 70, 8).

Ascoltami, Signore, perché dolce è la tua misericordia: guarda a me nella pienezza della tua bontà (Sal 68, 17).

Non distogliere il tuo volto dal tuo servo: nelle tribolazioni affrettati ad ascoltarmi (Sal 68, 18).

Sia benedetto il Signore Dio mio, mio patrono, mio rifugio nel giorno della tribolazione (Sal 143, 1; 58, 17).

O mio sostegno, a te io canterò, perché Dio è il mio aiuto, il mio Dio, la mia misericordia (Sal 58,18).

VESPRO

Antifona: Santa Maria Vergine.

Salmo: Genti tutte (v. p. 190).
IV.

299 Iniziano altri salmi sempre composti dal beatissimo padre nostro Francesco, da recitarsi in luogo dei

precedenti salmi della Passione del Signore, dall'Avvento del Signore alla vigilia di Natale e non più.

COMPIETA

Antifona: Santa Maria Vergine.

Salmo (12)

300 Fino a quando, Signore, ti scorderai di me? Fino a quando distoglierai da me il tuo volto?

Per quanto tempo ancora l'anima mia sarà piena di ansietà e di dolore?

Fino a quando il mio nemico avrà il sopravvento su di me? Volgi a me il tuo sguardo ed esaudiscimi,

Signore, Dio mio!

Dà luce ai miei occhi, perché non mi addormenti mai nella morte e il mio nemico possa dire: «L'ho vinto!».

Se io cadrò, esulteranno i miei nemici: ma io confido nella tua misericordia.

Esulterà il mio cuore in te, mia salvezza: canterò al Signore, che mi ha dato ogni bene, loderò il nome del
Signore altissimo.

MATTUTINO

Antifona: Santa Maria Vergine.

Salmo

301 Io ti confesserò, Signore, Padre santissimo, Re del cielo e della terra: perché mi hai consolato

(Is. 12, 1; cfr. Mt. 11, 25).

Tu sei il Dio mio salvatore: verrò a te con fiducia e senza timore (Is. 12, 2).

Mia fortezza e mia gloria è il Signore: la mia salvezza egli è divenuto (Sal 117, 14).

La tua mano, Signore, è forte, ha percosso il nemico; nella pienezza della tua gloria hai sconfitto i miei avversari
( Es. 1 5, 6-7 ) .

Vedano i deboli e gioiscano: cercate il Signore e l'anima vostra vivrà.

Lo lodino il cielo e la terra, il mare e ogni essere che in essi abita.

Poiché Dio salverà Sion, e saranno riedificate le città di Giuda.

E saranno abitate, e passeranno in eredità;

le generazioni dei servi di Dio possederanno Dio, coloro che amano il suo nome abiteranno in essa (Sal 68, 33, 35-37).

PRIMA

Antifona: Santa Maria Vergine. Salmo: Abbi pietà di me, Signore, abbi pietà (v. p. 187).

TERZA

Antifona: Santa Maria Vergine. Salmo: Innalza i tuoi canti a Dio (v. p. 194).

SESTA

Antifona: Santa Maria Vergine. Salmo: Ti ascolti il Signore ( v. p. 195 ) .

NONA

Antifona: Santa Maria Vergine. Salmo: In te ho sperato, Signore (v. p. 195).

VESPRO

Antifona: Santa Maria Vergine. Salmo: Genti tutte (v. p. 190).

302 Nota che il salmo non si recita tutto, ma fino al verso: Commoveatur a facie eius... ( tutta la terra si

scuota... ) . Si faccia attenzione di dire tutto il verso: Offritegli i vostri corpi. Terminato questo verso si dice il

Gloria. E questo si recita a Vespro ogni giorno, dall'Avvento fino alla vigilia di Natale.

V. VESPRO DI NATALE

Antifona: Santa Maria Vergine.

Salmo

303 Esultate in Dio, nostro alleato; dite la vostra gioia al Signore, Dio vivo e vero, in canto di esultanza
(Sal 80. 2; 46, 2).

poiché il Signore è grande, è terribile: è Re potente su tutta la terra (Sal 46, 3).

Poiché il Padre che è nei cieli, nostro Re dall'eternità, ha mandato dall'alto il diletto Figlio

suo: che nacque dalla beata Vergine Maria (Sal 73, 12; Cfr. Gv. 4, 9; Credo) .

Egli mi invocherà: «Il Padre mio sei tu». Ed io esalterò il mio Primogenito sopra tutti i re della terra (Sal 88, 27-28).

In quel giorno Dio ha fatto scendere la sua misericordia, durante la notte si è udito il suo cantico (Sal 41, 9).

Questo è un giorno che ha fatto il Signore: esultiamo e rallegriamoci in esso (Sal 117, 24).

Perché il santissimo bambino che amiamo ci è stato dato, e per noi è nato, lungo la via e

deposto in una mangiatoia, perché non c'era posto in albergo ( Is. 9, 6; Lc. 2, 7).

Gloria a Dio nel vertice dei cieli; pace in terra agli uomini di buona volontà (Lc 2, 14).

Si allietino i cieli, esulti la terra, si commuova la distesa immensa dei mari: godano i campi e quanto in essi vive
(Sal 95, 11-12) .

Cantategli un inno mai prima udito; canti al Signore tutta la terra (Sal 95, 1) .

Perché grande è il Signore, e degno di ogni lode: terribile più che ogni altro dio (Sal 95,4).

Date gloria e onore al Signore, o patrie di tutte le genti: date gloria al nome del Signore (Sal 95, 7).

Offritegli le vostre vite e portate la sua santa croce: e adempite fino in fondo i suoi santi comandamenti (Rm. 12, 1;
Lc. 14, 27).

Questo salmo si recita dal Natale fino all'ottava dell'Epifania a ciascun'ora.