ORIGINE DELL'OFS
 
 
ORIGINI DEL FRANCESCANESIMO

 

Francesco d'Assisi e i suoi primi compagni, dopo un lungo periodo di ricerca spirituale, scelgono di vivere “ secondo la forma del santo  Evangelo ” e si presentano  alla gente  come  “i penitenti di Assisi”,   predicando  a tutti  la  penitenza  e  la pace ”.

 L'apostolato di Francesco suscita un vasto risveglio religioso nel popolo cristiano. Si matura intorno a questo movimento un'esplosione di entusiasmo. La gente corre ad ascoltare il santo: “ sono uomini e donne, persone di ogni età e sesso”.

I giovani che seguono il santo diventano frati; le ragazze si associano alle scelte di Chiara d'Assisi, a suo tempo conquistata dal carisma di Francesco; gli uomini e le donne, senza diventare frati o monache, rimangono con le loro famiglie e chiedono a Francesco indicazioni operative per vivere secondo la forma del santo Evangelo. “ Francesco a tutti dava una regola di vita e indicava la via della salvezza a ciascuno secondo la propria condizione sociale”.

Così nasce il nuovo movimento spirituale strettamente legato alla figura carismatica di Francesco d'Assisi con una identità propria che non si può confondere con i vari gruppi e movimenti ecclesiali del suo tempo. A questo movimento spirituale Francesco dà il nome di Ordine dei fratelli e delle sorelle della penitenza.

 

ORIGINI DELL’OFS

 

L'Ordine Francescano Secolare non si è sempre chiamato così: prima del 1978 era chiamato Terzo Ordine Francescano (TOF) ad indicare che il Primo Ordine era quello dei Frati ed il Secondo quello delle Clarisse, il Terzo quello dei secolari.

La nascita ufficiale del Terz'Ordine, istituito direttamente da San Francesco, avviene nel 1221.

Il "Memoriale propositi fratrum et sororum de poenitentia in domibus propriis existentium", cioè il documento che contiene il proposito, la professione, la consacrazione dei Fratelli e delle Sorelle della Penitenza che vivono la loro esistenza nelle proprie case, è la prima Regola dei Fratelli e Sorelle della Penitenza, detta Regola Antica di Gregorio IX del 1221.

Nel 1289 Papa Nicolò IV, primo papa francescano, pubblica la Regola definitiva del Terz'Ordine Francescano, la Regola bollata (in latino detta "Supra montem"), per dare una più concreta configurazione anche giuridica all'Ordine.

Questa Regola rimane in vita fino al 1883 quando Papa Leone XIII, terziario francescano, emana la "Misericors Dei Filius" (Regola leonina): " i tempi sono cambiati - diceva il Papa Leone - e occorre un adeguamento della forma di vita dei francescani secolari. Un Terz'Ordine ringiovanito, come ai tempi di S. Francesco così oggi, deve rigenerare spiritualmente l'umanità".

Dopo il Concilio Vaticano II ed in seguito ai grandi mutamenti emersi ci si rese conto che anche la Regola dell'Ordine Francescano Secolare doveva essere aggiornata, così nel 1978 Papa Paolo VI donò all'Ordine la Regola attuale (Regola Paolina) e un nome nuovo: Ordine Francescano Secolare: OFS.

I Ministri Generali del primo Ordine, presentando la Regola, scrivono: “La Regola che oggi vi presentiamo, la Chiesa ve la consegna come norma di vita… accogliendo il messaggio francescano che essa porta, è la guida che vi offre per vivere secondo il santo Vangelo”.

Alla promulgazione della regola seguì un lungo periodo di intenso lavoro e di studio per la redazione delle “Costituzioni Generali dell'Ordine Francescano Secolare” per dare applicazione alla Regola rinnovata del 1978.

Le Costituzioni furono approvate il giorno 8 Dicembre del 2000 e promulgate il 06.02.2001.

 

 

Torna a Documentazione